Di vari credi. - Hotel Columbia
Hotel Columbia is conveniently situated in the heart of the historic centre of Rome, between the Opera House and the last bastion of the Diocletian Baths. It is within walking distance to Termini, the main railway station where taxis, buses and the subway can be taken to all places of interest. From Hotel Columbia every major monument and tourist attraction is easily reached by a short walk.
hotel, albergo, rome, roma, center of rome, roma centro, termini, stazione, railway station, turism, turismo, camere, rooms, terrace, terrazzo, ancient rome, roma antica, diocleziano, colosseo, coliseum, booking, teatro dell'opera, monuments, monumenti
18455
post-template-default,single,single-post,postid-18455,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-7.6.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12.1,vc_responsive,it

14 lug Di vari credi.

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE

24 min (H da Repubblica a Sonnino/San Gallicano)

Piazza Sant’Egidio, 1b
+39 06 5897123

DI VARI CREDI Il mondo monastico femminile nelle fotografie di Sebastiana Papa

dal 29 giugno al 4 settembre 2016

Da martedì a domenica ore 10.00 – 20.00
Chiuso lunedì

La biglietteria chiude alle ore 19.00

sito web ufficiale
biglietteria online

L’esposizione si compone di circa 50 fotografie di Sebastiana Papa che testimoniano l’esperienza da lei vissuta all’interno di comunità monastiche femminili di vari credi e paesi nei suoi tanti viaggi in giro per il mondo.
Le immagini, eseguite nell’arco di circa un trentennio di attività della fotografa, sono tratte dal volume Le Repubbliche delle Donne. Monachesimo femminile nel mondo, 1967-1999, lavoro ancora inedito al momento della scomparsa della Papa nel 2002 e pubblicato dall’ICCD nel 2013 a seguito della donazione ricevuta dagli eredi dell’intero suo archivio fotografico nel 2006. Dalle indicazioni lasciate dall’autrice, è nato così un volume di circa 350 immagini che narra, attraverso le fotografie ma anche attraverso citazioni e testi, i periodi di permanenza da lei trascorsi in diversi monasteri femminili.
La Papa, attraverso le sue due macchine Leica, si è fatta testimone diretta della vita di alcuni di questi microcosmi: dalle monache cattoliche in Italia (clarisse e benedettine in Toscana, cistercensi e carmelitane nel Lazio, agostiniane in Umbria) ai monasteri ortodossi (in Etiopia, di rito greco a Creta, di rito copto in Egitto, di rito russo in Estonia) fino alle monache tibetane in India, a quelle buddiste in Birmania, alle altre taoiste in Cina.

Fotografia e viaggio si saldano sempre nell’opera di Sebastiana Papa e all’interno di questo binomio spiccano e si incontrano dei temi costanti: l’interesse per l’universo femminile (senza pregiudizi di sorta, quale che sia l’opzione di vita – laica, religiosa – di ciascuna donna), il tema della/delle comunità, la tematica interreligiosa.
Da questi tre interessi intrecciati tra loro scaturisce e prende corpo la materia e la sostanza di questa mostra che si offre, quindi, quale spunto utile alle riflessioni suggerite dall’attuale Giubileo della Misericordia.

Le immagini in mostra, ristampate in carta baritata ai sali d’argento nel 2016, restituiscono in misura fedele il lavoro di Sebastiana Papa e la sua ricerca su queste realtà ‘separate’.

Sebastiana Papa (Teramo 1932 – Roma 2002)
Viaggiatrice instancabile, al servizio inizialmente di testate giornalistiche italiane e straniere, Sebastiana Papa sviluppa poi autonomamente la sua professione di fotografa facendola coincidere con l’altra sua grande passione, quella del viaggiare che la porterà in giro per il mondo almeno dagli anni ’60 in poi fino alla sua morte.
Dopo aver pubblicato decine di opere ed aver esposto in Italia e all’estero, un ulteriore – e ultimo – tassello a questo insieme variegato di sue testimonianze è costituito proprio dal volume Le Repubbliche delle Donne da cui trae origine questa mostra.